Nuove frontiere del phishing!
Direttamente via SMS!

Un sms di phishing

Come evitare di cadere nella trappola?
1) Diffidare sempre da chi minaccia sospensioni di account bancari chiedendovi i vostri dati di accesso: in caso di dubbio chiedete alla vostra filiale;
2) Verificare dove punta veramente un link: in questo caso guardando il dominio di secondo livello (quello prima del .com) si vedrà che il link non punta ad un sito ufficiale di Poste Italiane ma verso l’ignoto “is-certified.com” (un rapido Whois ci permette di verificare che non c’entra niente con Poste o PostePay:

https://www.whois.com/whois/is-certified.com);

3) Gli errori grammaticali palesi sono un indice di inaffidabilità;
4) In caso di ulteriori dubbi rivolgersi ad un esperto informatico o ad un avvocato che potrà consigliarvi per il meglio.

 
Leggete anche

questo interessante approfondimento

 del buon David Puente.

 
Non bisogna mai abbassare la guardia!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>